IUC (TARI - TASI - IMU) ANNO 2017

29/03/2017

IUC (TARI - TASI - IMU) ANNO 2017
IN BREVE…
Abitazioni principali di categoria da A2 ad A7 e relative pertinenze: sono esenti IMU e TASI. Pagano TARI (tassa rifiuti).
Abitazioni principali di lusso (Categoria A1, A8 e A9) e altri fabbricati: pagano IMU e TARI (tassa rifiuti).
Aree fabbricabili: pagano IMU.

TASI 2017
Il comma 14 dell’art. 1 della Legge 28/12/2015 n. 208 (Legge di Stabilità 2016) HA ELIMINATO LA TASI PER LE UNITÀ IMMOBILIARI ADIBITE AD ABITAZIONE PRINCIPALE.

ALTRE ALIQUOTE (CONFERMA 2016)
- immobili adibiti ad abitazione principale e relative pertinenze appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9: aliquota pari a zero;
- altri immobili: aliquota pari a zero;

IMU 2017
IL PAGAMENTO IMU È DOVUTO DAI PROPRIETARI DI SECONDE CASE E DI ALTRI FABBRICATI DIVERSI DALL'ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE.
 
Restano esonerati dal pagamento i proprietari di abitazioni principali e relative pertinenze purché non siano classificate al catasto come case di lusso A1, A8 e A9.
 
ALIQUOTE 2017 (conferma 2016)
Aliquota ordinaria:       0,96 %
Aree fabbricabili:          0,96 %
Abitazione Principale e pertinenze CATEGORIE  A/1, A/8 E A/9 (abitazioni di pregio)          0,5 %
Detrazione da applicare all’abitazione principale e alle pertinenze (SOLO CATEGORIE  A/1, A/8 E A/9) € 200,00 -
TERRENI AGRICOLI: ESENTI

ALTRE INFORMAZIONI
IMU su immobili concessi in comodato gratuito.
La base imponibile dell’IMU è ridotta del 50% per le unità immobiliari concesse in comodato dal soggetto passivo (comodante) ai parenti in linea retta entro il primo grado, vale a dire genitori e figli (comodatari), che le utilizzano come abitazione principale.
Per poter beneficiare della riduzione occorre che:
• Il contratto sia registrato;
• Il comodante deve essere proprietario di un solo immobile oppure di 2 immobili ma in tal caso uno dei due deve essere necessariamente abitazione principale del proprietario;
• Il comodante risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato.
Sono esclusi i comodati per le abitazioni di lusso (Cat, A1, A8 e A9).
Il MEF ha pubblicato la  Circolare N. 1/DF del 17 febbraio 2016 - Imposta municipale propria (IMU) – Tributo per i servizi indivisibili (TASI) – Art. 1, comma 10, della legge n. 208 del 2015 (Legge di stabilità per l’anno 2016) – Disposizioni concernenti la riduzione del 50 per cento della base imponibile in caso di cessione dell'abitazione in comodato ai familiari – Modalità applicative.
Nella circolare sono chiariti e spiegati i requisiti ed i dettagli di applicazione della riduzione del 50% della base imponibile in caso di comodato gratuito.
 
IMU per immobili posseduti da cittadini residenti all’estero
E’ considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispetti Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso.
 
MEF -Risoluzione 10/DF 2015 - Art. 9-bis del D. L. 28 marzo 2014, n. 47, convertito, con modificazioni dalla legge 23 maggio 2014, n. 80. Ulteriori chiarimenti in merito all’esenzione dall’imposta municipale propria (IMU) e all’applicazione del tributo per i servizi indivisibili (TASI) per i pensionati iscritti all’AIRE proprietari di più immobili in Italia
 
SCADENZE
Acconto o unica soluzione 16 giugno 2017
Saldo    16 dicembre 2017

COME SI CALCOLA L’IMU
E’ possibile calcolare l’imposta dovuta e stampare il modello F24 per il pagamento, inserendo le rendite catastali dei propri immobili.
All’interno del modulo per il calcolo è possibile calcolare il RAVVEDIMENTO OPEROSO per omesso/parziale versamento IMU.
In caso di omesso o parziale versamento dell’imposta municipale propria è possibile sanare la violazione effettuando, entro i termini di cui all’allegato, un versamento comprensivo di tributo o maggior tributo dovuto, della sanzione ridotta e degli interessi a tasso legale calcolati sui giorni di effettivo ritardo.
Per ottenere il valore della rendita catastale andate al link dell'Agenzia del Territorio, inserite il vostro codice fiscale e i dati dell'immobile (sezione, foglio, particella e subalterno).

CLICCA QUI PER LA RENDITA
CLICCA QUI PER IL CALCOLO


TARI (tributo servizio rifiuti)
L’Amministrazione Comunale informa i Contribuenti che il recapito delle bollette relative alla TARI 2017 è previsto per il prossimo mese di giugno 2017.
 
Gli importi che vi sono indicati si riferiscono al periodo gennaio-dicembre 2017.
Scadenze di pagamento:

1)in un’unica soluzione entro il 15/07/2017
 
2)in due rate
Acconto:            entro il 15/07/2017
Saldo:                 entro il 16/09/2017

Le tariffe sono visionabili all'interno del piano finanziario TARI 2017 allegato. Per comodità vengono qui riportate le tabelle riassuntive relative alle utenze DOMESTICHE, ai non residenti e alle utenze NON DOMESTICHE.

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE
FAMIGLIE QUOTA FISSA
Euro/ m2
QUOTA VARIABILE PER FAMIGLIA
Euro/ Utenza
Famiglie di 1 componente 0,2785 34,2701
Famiglie di 2 componenti 0,3249 68,5403
Famiglie di 3 componenti 0,3581 85,6753
Famiglie di 4 componenti 0,3846 111,3779
Famiglie di 5 componenti 0,4111 124,2292
Famiglie di 6 o più componenti 0,4310 145,6481


Per i non residenti il numero dei componenti è calcolato secondo quanto stabili all’articolo 54 del Regolamento per la disciplina dell’Imposta Unica Comunale:
 
SUPERFICI (MQ) COMPONENTI ASSEGNATI
0-39 1
40-50 2
51-79 3
80-99 4
100-119 5
OLTRE 120 6


TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE
N.ATTIVITA' QUOTA FISSA
Euro m/2
QUOTA VARIABILE
Euro m/2
TARIFFA TOTALE
Euro m/2
1) Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto 0,1300 0,6723 0,8023
2) Campeggi, distributori carburanti 0,2290 1,1924 1,4214
4) Esposizioni, autosaloni 0,1114 0,5972 0,7086
5) Alberghi con ristorante 0,3311 1,7382 2,0693
7) Case di cura e riposo 0,3033 1,5819 1,8852
8) Uffici, agenzie, studi professionali 0,3280 1,7322 2,0603
9) Banche ed istituti di credito 0,1733 0,9175 1,0908
10) Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli 0,3064 1,6057 1,9120
11) Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 0,3311 1,7401 2,0713
12) Attività artigianali tipo botteghe (falegname, idraulico, fabbro, elettricista, parrucchiere) 0,2723 1,4238 1,6961
13) Carrozzeria, autofficina, elettrauto 0,2847 1,4930 1,7777
14) Attività industriali con capannoni di produz. 0,2073 1,0876 1,2949
15) Attività artigianali di produz. beni specifici 0,2538 1,3269 1,5806
16) Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie 1,4978 7,8445 9,3422
17) Bar, caffè, pasticceria 1,1264 5,8967 7,0231
18) Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari 0,6406 3,3597 4,0002
19) Plurilicenze alimentari e/o miste NP NP NP
20) Ortofrutta, pescherie, fiori e piante NP NP NP
21) Discoteche, night club NP NP NP

    
SPORTELLO IUC
Il Comune non procederà all’invio a domicilio di modelli di pagamento a domicilio in relazione all’IMU.

Si avvisa la gentile cittadinanza che il Comune di Porto Valtravaglia, per perseguire l’obiettivo di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti di cui all’art 1 commi 688 e 689 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, procederà a rendere disponibili i modelli di pagamento IMU preventivamente compilati, su richiesta dei contribuenti e previa presentazione di eventuale apposita documentazione.

L’ufficio tributi è a disposizione per il conteggio e la stampa del modello di pagamento IMU
dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00
sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.00


I contribuenti interessati al servizio potranno accedere all’Ufficio Comunale preposto nei giorni e negli orari sopra indicati o prenotare telefonicamente il modello F24 al n. 0332/543810.
L’ufficio fornirà a richiesta chiarimenti soltanto negli orari e giorni sopra indicati al seguente numero 0332/543810.

Sul sito internet del Comune nella sezione dedicata all’IMU, è possibile calcolare l’imposta dovuta e stampare il modello F24 per il pagamento, inserendo le rendite catastali dei propri immobili.

CLICCA QUI  PER LA RENDITA
CLICCA QUI PER IL CALCOLO